Salta al contenuto della pagina


Laboratorio LSA

Laboratorio LSA

Laboratorio di Scienze dell'Antichità

Scelte rapide: English version | Accessibilità | Menu principale | Approfondimenti sezione | Contenuto della pagina |



Contenuto pagina

Rocca d'Entella

Località

Contessa Entellina (Palermo)

Inizio delle ricerche

1984

Direzione Scientifica

Nell'ambito della convenzione fra la SNS e la Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali della provincia di Palermo, la Direzione Scientifica è stata affidata dal 2001 al Prof. Carmine Ampolo (Scuola Normale Superiore di Pisa)

Presupposti e obiettivi

La ricerca a Rocca d’Entella (Contessa Entellina, Palermo), sede dell’antica Entella, fu avviata nel 1984 a integrazione degli studi sino ad allora condotti sui noti decreti da Entella e Nakone. Da allora l’indagine si è estesa a diverse aree dell’abitato e delle necropoli, al territorio comunale di Contessa Entellina, con scavi nel castello di Calatamauro. 

Il ritrovamento di indicatori di produzioni ceramiche di epoca arcaica, classica, ellenistica, romana e medievale, sia dall’area da Entella che da siti nel territorio, ha spinto ad approfondire l’indagine sulle produzioni ceramiche entelline (in senso lato) ricorrendo alla collaborazione con specialisti esterni per le analisi archeometriche.

Brevi dati sul sito

Edifici monumentali di età classica, ellenistica e medievale sono stati messi in luce sul pianoro sommitale della Rocca, all’interno di imponenti fortificazioni di epoca classica e medievale. È stata individuata ed esplorata una delle necropoli che si trovano ai piedi della montagna, con sepolture di epoca ellenistica, romana e medievale e impianti artigianali di età arcaica. 

Dal 2001 le indagini sono condotte in e­stensione e con criteri rin­no­vati; si sono concentrate nell’area centrale interessata dalla presenza di importanti edifici pubblici/sacri, nella Necropoli A, ellenistica e musulmana, dove sono state individuate le sepolture dei prima Campani, nel­l’area del palazzo fortificato medievale e lungo la cinta muraria di NordOvest, dove è in corso di scavo una nuova necropoli islamica, simile ad un'altra rinvenuta – anch'essa recentemente – nell'area del vicino santuario ctonio extramurano (scavo Soprintendenza BB.CC.AA.).

Le novità sempre più consistenti frutto dalle recenti campagne di scavo contribuiscono ad una migliore lettura dell’urbanistica della città antica, resa nota oltre che nelle periodiche pubblicazioni anche attraverso la realizzazione di due pannelli didattici sul posto, una collocata nel padiglione didattico della Necropoli A, l'altra costituita da pannelli esplicativi collocati all'interno delle principali aree di scavo .

Dopo le ultime campagne e alcune opere di sistemazione e di percorsi d'accesso da parte della Soprintendenza sono ora, infatti, visitabili i tre complessi principali (area centrale, palazzo fortificato e mura di NordOvest) oltre alla necropoli A, dove si trova il padiglione didattico generale.

 

BIBLIOGRAFIA

Collane

Notizie degli Scavi

Giornate Internazionali

Cataloghi di Mostre e Musei


Brevi dati sul territorio

All’indagine archeologica ad Entella si è affiancata dal 1998 una prospezione intensiva che interessa l’intero territorio comunale di Contessa Entellina, in cui ricade anche il sito di Rocca d’Entella (= 136,4 kmq, di cui almeno metà è probabile che fosse di diretta pertinenza dell'antica Entella).

Il Laboratorio ha potuto contare su due successivi finanziamenti (1998-2000; 2001-2002) da parte dell’Asses­sorato Regionale BB.CC.AA. Le prospezioni al suolo sono terminate con l’individuazione di oltre 500 emergenze archeologiche tra insediamenti (dalla casa isolata al villaggio) e frequentazioni. È ad uno stadio avanzato la catalogazione e lo studio dei reperti per la pubblicazione definitiva.

Dalla prospezione nel territorio di Contessa Entellina è scaturito un ulteriore filone di indagine, che si inserisce nella ricerca condotta dall’équipe coordinata da D. Malfitana (CNR - Catania) e comprendente M. Bonifay (CNRS - Aix-en-Provence) e C. Capelli (DipTeRis, Genova), volta ad individuare i centri di produzione delle ceramiche romane di possibile produzione africana circolanti in Sicilia.

 

BIBLIOGRAFIA

Collane

Notizie degli Scavi

Giornate Internazionali

Cataloghi di Mostre e Musei

 

Contributi e finanziamenti

Laboratorio di Scienze dell'Antichità (Cofinanziamento PRIN)

Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell'Università di Pisa (Cofinanziamento PRIN)

Assessorato Regionale per i Beni Culturali e Ambientale - Regione Sicilia

Azienda Vitivinicola Donnafugata s.r.l. (Marsala)



powered by DBSite - Liberologico Content Management System