Salta al contenuto della pagina


Laboratorio LSA

Laboratorio LSA

Laboratorio di Scienze dell'Antichità

Scelte rapide: English version | Accessibilità | Menu principale | Approfondimenti sezione | Contenuto della pagina |



Contenuto pagina

Segesta

Località

Segesta (Calatafimi, Trapani) – agora/fòro

Inizio delle ricerche

1987-1997; le indagini sono riprese nel 2002.

Direzione Scientifica

Nell'ambito della convenzione fra la SNS e la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali per la provincia di Trapani la Direzione Scientifica è stata affidata dal 2002 al Prof. Carmine Ampolo (Scuola Normale Superiore di Pisa)

L’attività sul campo è coordinata dalla Prof. Maria Cecilia Parra (Università di Pisa)

Presupposti e obiettivi

Nel 2002 sono ripresi gli scavi sistematici con metodi e impostazioni totalmente rinnovati; essi hanno anche permesso di incrementare notevolmente la documentazione epigrafica con informazioni su lavori pubblici e su protagonisti della vita di Segesta ellenistico-romana. Inoltre, lo scavo ora completo del lato Ovest, della fronte del lato Nord e dell’area esterna verso SudEst con una piazza triangolare lastricata, consente una ricostruzione del complesso monumentale (agora, poi forum) ricca di novità e in linea con i modelli dell’architettura e dell’urbanistica ellenistiche. I risultati vengono ora resi noti sia attraverso le pubblicazioni sia in loco mediante pannelli illustrativi, costantemente aggiornati.

Una particolare attenzione è stata riservata allo studio delle iscrizioni greche e latine rinvenute, dall'iscrizione monumentale latina di Onasus e Sopolis nell'agora "esterna", all'iscrizione greca dell'agoranomo Xenarchos, figlio di Apollodoros, etc. L'edizione del corpus di iscrizioni segestane è in preparazione a cura di C. Ampolo nella collana Egesta/Aigesta/Segesta, per i tipi delle Edizioni della Normale. Le epigrafi già note e quelle nuove relative ai lavori pubblici integrano efficacemente i dati archeologici e storici. 

Brevi dati sul sito

I risultati delle campagne hanno mostrato l'imponenza del complesso architettonico agora/foro della città antica e la raffinatezza delle soluzioni adottate per conciliare la nuova grande piazza con la viabilità urbana (rampa a lato del criptoportico verso il bouleuterion e il teatro). Lo scavo, tuttora in corso, interessa due grandi aree, negli anni notevolmente ampliate (SAS 3: area della terrazza superiore dell'agora, e SAS 4: area dell'agora). Gli obiettivi perseguiti riguardano innanzitutto la restituzione in tutta la sua monumentalità dell'agora ellenistica, con la sua ampia stoa, il cui lato lungo supera i 70 metri, con basi di statue e piccoli monumenti addossati alla crepidine, e l'area della terrazza superiore, con una piccola agora "esterna", un macellum e una strada che raccorda con la rampa scavata nella roccia tra l'agora e la terrazza superiore. Contemporaneamente sono state indagate le varie fasi di vita dell'area, dalla monumentalizzazione del II secolo a.C., all'abbandono dell'area pubblica intorno ai primi decenni del III sec. d.C., alla sporadica frequentazione in età tardoantica, fino alla nuova occupazione del sito con un villaggio abbastanza esteso in età normanno-sveva.

Per una maggiore fruibilità e valorizzazione dell'area di scavo il Laboratorio ha provveduto a compiere vari lavori di sistemazione e recupero; tra questi ultimi in particolare si segnala nel SAS 3 il restauro dell'edificio circolare (tholos macelli) messo in luce nel corso delle campagne di scavo degli anni 2003-2005; la ricollocazione nella posizione originaria di due lastre con l'iscrizione monumentale di Onasus e Sopolis che fungevano anche da copertura della canaletta sottostante il piazzale messo in luce nel corso delle recenti campagne di scavo; nel SAS 4 il consolidamento di alcuni ambienti intonacati all'interno della stoa Ovest, l'integrazione parziale del muro di fondo della stoa rinvenuto nel corso delle più recenti campagne, il riposizionamento di alcune lastre pertinenti alla gradinata della stoa Nord e di alcuni rocchi di colonna sopra il relativo stilobate. Sono stati inoltre aggiornati i pannelli esplicativi già collocati lungo i margini dei due saggi SAS 3 e SAS 4. Sono state costantemente eseguite, alla fine di ogni campagna di scavo, foto da pallone aerostatico ed è stata fatta eseguire con l'autorizzazione della Soprintendenza una serie di riprese fotografiche da aereo leggero.

 

News 2012

 

BIBLIOGRAFIA

Collane

Notizie degli Scavi

Giornate Internazionali

Bibliografia Topografica

 

Contributi e finanziamenti

Laboratorio di Scienze dell'Antichità (Cofinanziamento PRIN)

Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell'Università di Pisa (Cofinanziamento PRIN)



powered by DBSite - Liberologico Content Management System